lunedì 19 novembre 2018
 
  in Primo Piano
  I VIAGGI DELLA LIBRERIA
  LA FINESTRA SUL CORTILE
  TUTTO PROCEDE IN PERFETTO DISORDINE
  EYES WIDE SHUT
  Archivio News »
  Newsletter
iscrivi cancella

 
Archivio News

11.09 AGENDA LETTERARIA
Octave HAMELIN
5136f896d9b7e7f210e9a098bd89eeaa.jpgL'11 Settembre 1907, muore a Huchet (Landes) il filosofo francese Octave Hamelin.
Tra i massimi esponenti dello spiritualismo in Francia, si distinse dal suo predeccessore Lequier per i presupposti mutuati dall'idealismo sui quali costruiva la sua filosofia spiritualista.
Octave Hamelin partí dalla affermazione di sapore kantiano che «la rappresentazione è l'essere e l'essere è la rappresentazione», per poi giungere alla tesi che la coscienza è l'apice della realtà, che ogni coscienza finita è radicata in una Coscienza universale, che questa Coscienza universale è Dio. Pertanto non c'è posto, a suo giudizio, né per le filosofie materialistiche né per il panteismo idealistico; il mondo non può identificarsi con Dio, né il suo «male» può essere stato prodotto dalla bontà divina; esso è il residuo di una «caduta» originaria; tuttavia può diventare il regno della giustizia.
E non c'è posto perciò neppure per le concezioni deterministiche dell'esistenza umana: la persona umana, in quanto coscienza, è libera di perseguire i suoi fini; e proprio quando «agisce» liberamente si realizza sommamente come coscienza.



  © 2005-2007 Libreria del Teatro Home Page  |  Eventi  |  Gallery  |  FuoriCatalogo  |  Forum  |  Contatti  |  Privacy
   Gianfranco Cannito