domenica 16 dicembre 2018
 
  in Primo Piano
  I VIAGGI DELLA LIBRERIA
  LA FINESTRA SUL CORTILE
  TUTTO PROCEDE IN PERFETTO DISORDINE
  EYES WIDE SHUT
  Archivio News »
  Newsletter
iscrivi cancella

 
Archivio News

IL SEME DEL MALE
largo teatro 7 - gli eventi made in Libreria
5f9d1ee2e2d8eee34157d118601d844b.jpgStasera alle ore 21.00, presso la Libreria del Teatro ci sarà la Rassegna Cinematografica horror: "Il seme del male", con la visione del film "Rosemary's baby", a cura di Marisa Coviello.
Rosemary's baby e una delle pellicole più inquietanti mai girate, la cui tensione è mantenuta per tutta la sua considerevole durata di 131 minuti senza nessun vero colpo di scena, senza una sola goccia di sangue, ma con un risultato di altissimo livello. un horror, ma senza horror! Niente sangue, niente porte che scricchiolano, niente effetti speciali, nessun mostro, nessun segno dei canoni classici caratteristici dell'orrore. Èd è proprio questo che rende Rosemary's baby unico nel suo genere: il fatto di incutere paura, di inquietare, di turbare senza avere veri e propri riscontri con quello che dovrebbe essere il s uo genere. Sarà stata la bravura di Polanski, o degli attori, sarà stata la storia tratta dal best-seller di Ira Levin, saranno state le musiche spettrali di Cristopher Komeda, sarà.si può solo ipotizzare da dove scaturisca la natura orrorifica di questo gioiello, da dove sgorghi l'atmosfera cupa nonostante la luminosità del film. La regia è ottima, veramente degna della fama del regista, il casting d'eccezione e le recitazioni da Oscar (non a caso Ruth Gordon se l'è pure effettivamente beccato!). Come si potrebbe rimanere indifferenti di fronte al fascino tenebroso controversamente creato dalle premure di Minnie Castevet, che rifornisce in continuazione Rosemary di strani intrugli a base di radici come fossero frullati, di portafortuna maleodoranti come fossero gioielli, di continue asfissianti attenzioni come fosse sua madre; o non far finta di sorridere (mentre dentro di noi la paura si nasconde prendendosi gioco della nostra ingenuità) di fronte alla goffaggine della sua amica, Anne-Louise, che ricorda la nonna di Titti e Silvestro dei Looney Toons piuttosto che una serva di Satana; o agli incredibili viaggi raccontati da Roman "dite un posto e io ci sono stato" Castevet, tanto amichevole quanto è premurosa la consorte; o ancora (dulcis in fundo) alla naturalezza espressiva di Mia Farrow nella parte di Rosemary, giovane ragazza impazzita o forse vittima di un tremendo complotto! Che la paura provocata dalla visione di questa pellicola sia creata semplicemente dalle ambiguità di cui essa trasuda, dai titoli di testa a quelli di coda? Di certo è uno dei tanti elementi che concorrono alla bellezza dell'opera del regista, autore davvero di uno dei migliori lavori del nostro cinema, che merita di essere visto e rivisto più volte, e chissà che anche qualcuno di Hollywood non se lo riguardi, giusto per ripassare un pò come si fa il vero cinema!"

Ingresso libero






  © 2005-2007 Libreria del Teatro Home Page  |  Eventi  |  Gallery  |  FuoriCatalogo  |  Forum  |  Contatti  |  Privacy
   Gianfranco Cannito